Lady D 🇬🇧 & Ⓜ️aⓂ️Ⓜ️a mi hanno donato in sogno la candida rosa che è pure il sigillo esoterico di questo pontificato nonchĂ© di Dante Alighieri & RosaCroce

Annunci

Il Palazzo di Sichelgaita

di Bianca Garavelli

Per cortesia di Lisa Emiliani. Per cortesia di Lisa Emiliani.

Il 1429 fu un anno decisivo per due donne importanti, oltre che per il popolo Francese, oppresso dagli Inglesi invasori: Giovanna d’Arco e Christine de Pizan. Per la prima perché, dopo una serie di vittorie incredibili per una diciassettenne senza esperienza di battaglie, si preparava ad attaccare Parigi, per riportare sul trono il legittimo re. Per la seconda perché, dopo anni di silenzio, finalmente scriveva una nuova opera: il poemetto dedicato alla Pulzella d’Orléans.
Un singolare incrocio di destini per un testo che detiene un altrettanto singolare primato: è il primo ispirato alla vergine guerriera e l’ultimo e l’ultimo della prolifica scrittrice italo-francese Christine de Pizan, nata a Venezia nel 1365 e vissuta in Francia, dopo aver seguito, ancora bambina, il padre, medico e astrologo famoso, alla corte di Carlo V.

View original post 342 altre parole

Santa Giovanna d’Arco

Il Palazzo di Sichelgaita

di Marco Meschini

Vergine e guerriera, uccisa benché innocente: così la breve vita di Giovanna d’Arco si compie nell’arco di tre primavere. Restituisce forza e dignità al Re, salva la Francia ma non se stessa, per rimanere fedele fino all’ultimo alle “voci” che sentiva provenienti dal Cielo.

Giovanna d’Arco libera Orléans – miniatura dalle “Vigiles de Charles VII”, XV secolo.

Chiedo venia al lettore se, per la prima volta dacché scrivo su queste pagine, partirò da un piccolo fatto personale, occorsomi qualche tempo fa. Mi trovavo in una scuola della Brianza, al termine di una conferenza pubblica. Mentre esco, trovo al mio fianco il passo lungo e misurato di uno studente del liceo classico, diciassette anni, i capelli neri e lucenti, un nome angelico: Gabriele. Il quale mi si affianca, commenta alcune cose dette quella sera – con rapidi passaggi sulle cose, e quante, che si sarebbero potute aggiungere –…

View original post 1.548 altre parole

Il falso mito del “Volere è potere”.

danke …… aufwiedersehen …….

Coach To Heaven

Non il «volere», ma la «consapevolezza» è “potere”.

“La volontà non può superare i limiti della sfera psichica; non è in grado di costringere l’istinto, e non ha potere sull’inconscio “

L’unica cosa che ci rifiutiamo di ammettere è di essere in balia di «forze» che non siano riducibili al nostro controllo. Il motto «Volere è potere» è la superstizione dell’uomo moderno. Eppure l’uomo contemporaneo, pur di mantener viva questa fede, paga lo scotto di una grave mancanza di introspezione. Egli resta cieco al fatto che, pur con tutta la sua razionalità e la sua efficienza, «forze» non controllabili lo tengono ancora in loro balia. I suoi dei e i suoi demoni non sono affatto scomparsi: hanno solo cambiato nome.

Essi lo tengono in uno stato d’agitazione incessante attraverso vaghe apprensioni, complicazioni psicologiche, un bisogno insaziabile di pillole, di alcool, di tabacco, di cibo e soprattutto imponendogli un pesante fardello…

View original post 117 altre parole

IN VINO VERITAS: intervista indiscreta a Davide Caliandro

BloggingWine

Il favoloso mondo del settore vitivinicolo è una foresta abitata da tantissime creature: tra ceppi e grappoli si destreggiano le numerose figure professionali grazie alle quali la bevanda aspra, conosciuta in antichità come nettare degli dei, è divenuta oggi quell’eccellenza inebriante che chiamiamo vino. Tra enologici, tecnici, viticoltori e cantinieri abbiamo scelto di focalizzarci e scoprire i segreti di una figura che – negli ultimi anni – ha preso piede tra noi comuni mortali per condurci a una sana consapevolezza delle vere qualità del vino: il sommelier.
Per raccontarla abbiamo incontrato Davide Caliandro, sommelier AIS, di San Michele Salentino (BR).

  • Benvenuto su BloggingWine Davide, vogliamo farci gli affari tuoi: chi sei?
    Sono un sommelier. Ho 28 anni e lavoro da sempre nel Ristorante della mia famiglia, ristorante da cui fuggo appena ne ho l’occasione per rifugiarmi nelle campagne tra piante e gatti o per fare un lungo giro in…

View original post 446 altre parole