IL MATTONE

Latervm

ovvero una contro-agenda per il contro-uomo

Como, Villa Triste, 8 Marzo 2021

«Mi manca la coerenza, non ce l’ho,

non la voglio, te la regalo tutta vecchio!»

– Scolarca mattonista, sec. XX

PREMESSA

La gestione scellerata e suicida della pandemia da Covid-19 ha rappresentato un disastro per l’umanità. Il processo di degenerazione della società non può essere arrestato, ma deve altresì essere accompagnato alla sua naturale conclusione.

Il mondo post-moderno è letteralmente la centrifuga di una lavatrice che gira impazzita e inarrestabile: il mattonista nemmeno tenta di fermarla. Egli apre l’oblò e ci getta dentro un mattone.

1. Il mattone non è un movimento politico. Esso si caratterizza piuttosto come una forma di adesione assoluta e immediata – non mediata – a un principio, un’idea, un’istanza: il secco rifiuto del paradigma dell’uomo-soia post-pandemico.

1.1 Per gli uomini-soia, la pandemia rappresenta l’unico modo per sentirsi partecipi di un epos

View original post 2.202 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...