MA BISOGNA ANCORA DISTINGUERE TRA RIFUGIATI E MIGRANTI? di PaolaBrunaKenani

“siate generosi e io lo sarò infinitamente di più”
Talmud ?

deflusso

Quando rifugiati e migranti sono sulla stessa barca vale ancora la pena distinguerli?

migrazione catastrofe

I rifugiati sono persone prive della protezione del loro paese di origine a causa di conflitti, persecuzioni, violenza, cause che minacciano l’ordine pubblico e che quindi hanno il diritto di protezione internazionale. La loro situazione é rischiosa e intollerabile. Per loro é potenzialmente mortale tornare a casa oppure impossibile per non avere più una casa. La colonna portante di questo sistema é  l’art 33 della convenzione di Ginevra del 1951,  é il principio di non respingimento, nel senso che non possono essere espulsi o rimpatriati.

I migranti al contrario sono soggetti a penalizzazione e a respingimento, passare dall’uno all’altro é passare dalla condizione di criminale a quella di vittima. Come dire che i migranti avrebbero anche potuto restare dove erano e allora perché hanno accettato il rischio di un viaggio terribile?

Alla base di questa distinzione un…

View original post 1.278 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...