Cara Catastrofe

l'antropolemico

Cara Catastrofe,

spero tu non arrivi, ma ti sento vicina. Forse mi sbaglio, forse è solo una insensata paura, forse è solo lo scotto di essere ancora una volta dalla parte scomoda, dalla parte di chi non ha parte, dalla parte di chi sta fuori, ai margini, dalla parte di chi vorrebbe riconoscersi ma non trova uno specchio.

Cara Catastrofe, io non ti aspetto, come tanti altri invece fanno. Perché vorrebbe dire farsi male, troppo male, un male che nonostante tutto non ci meritiamo, nemmeno se un po’ lo abbiamo chiamato e lo abbiamo voluto. Qualcuno dice “E’ la democrazia, baby” ed è verissimo: io sono democratico fino al midollo ma sono anche convinto che accanto alle strutture democratiche serva una cultura della democrazia, e non sempre queste due coesistono. Esistono paesi con una grande cultura della democrazia e scarse strutture democratiche (represse o ancora in potenza) e paesi con…

View original post 488 altre parole

Annunci